Protocollo Http : codici e loro significato

I codici http, anche chiamati codici di stato, forniscono una risposta ad una query effettuata su un browser da un utente. Questi codici forniscono informazioni sullo stato di un URL come un sito Web o una query. Sicuramente conoscerai il messaggio di errore 404. Si tratta di un codice http.

Sono suddivisi in cinque categorie : ognuno indica un diverso tipo di stato e in qualche modo influisce sul SEO della tua piattaforma, nonché sul comportamento visitatori. Comprenderli ti aiuterà a migliorare la manutenzione e la gestione del tuo sito.

Come funziona il protocollo http?

Per accedere ad un sito Web o qualsiasi pagina Web, è necessario avere il suo URL, vale a dire il suo indirizzo. Questo verrà inserito nella barra di ricerca del browser, che invia un segnale al server che ospita la piattaforma.
Questo segnale, composto da varie informazioni, nonché la risposta del server vengono trasmessi attraverso il protocollo http . Questo è quindi in grado di indicare lo stato del sito, così come il trattamento della richiesta emessa dal navigatore.
Ad esempio, se si verifica un problema durante la connessione al sito o a una determinata pagina, verrà visualizzato un codice http all'utente. D'altra parte, quando l'operazione viene eseguita correttamente, nessun messaggio apparirà agli occhi dell'utente.
Abbiamo già menzionato il codice 404: informa l'utente, tramite una pagina dedicata generata automaticamente , l'impossibilità di accedere a un particolare URL. Ecco perché il codice http è anche chiamato codice di stato.

I vari codici e i loro significati

Il significato dei vari codici http è in realtà basato sullo stato di un sito Web o di una pagina. Inoltre, troviamo 5 diverse categorie, per 5 tipi di stati.

I codici 100

Il codice 100 informa il cliente (ovvero, il browser, per non dire l'utente) che la richiesta è attualmente in fase di elaborazione . In questo caso, nessun messaggio verrà visualizzato nel browser.

I codici 200

Questa categoria indica al cliente che la richiesta è stata completata . Inoltre, la navigazione può essere intrapresa senza problemi. L'utente non è in grado di vedere il codice http, poiché ha solo accesso al contenuto dell'URL che lo interessa. Il codice 200 OK indica al browser che le informazioni sono state elaborate correttamente dal server.

I 300 codici

In questo caso, la richiesta è stata presa in considerazione dal server ma non può avere successo senza l'azione del client . Inoltre, è necessario avviare una procedura complementare per sfruttare il contenuto della pagina. Questi codici http vengono principalmente utilizzati per i reindirizzamenti.

  • Codice 301 : in questo caso, il browser deve reindirizzare l'utente a un'altra pagina. Il webmaster ha creato un reindirizzamento per inviare il visitatore da una pagina web a un'altra. Tuttavia, questo non significa che il contenuto sarà identico. L'utente non sarà in grado di vedere un messaggio di reindirizzamento, solo la pagina di destinazione. Questo è un cambio di indirizzo definitivo. Inoltre, il codice 301 può essere utilizzato quando un sito Web ha cambiato nome di dominio, ad esempio.
  • Codice 302 :se il codice sopra menzionato riguarda modifiche di indirizzo definitive, questo viene utilizzato per le modifiche temporanee. Inoltre, il vecchio URL è ancora valido, ma non può essere consultato per il momento, a condizione che il webmaster non rilanci il reindirizzamento. Ancora una volta, l'utente non noterà questo messaggio. Andrà automaticamente, grazie al suo browser, sulla pagina di reindirizzamento interessata.

400 codici

Questi codici http sono per un errore da parte del cliente . La richiesta è stata ricevuta correttamente, ma non può essere elaborata. Sicuramente conoscerai il codice 404, che viene generato quando l'URL richiesto non è scritto correttamente. Vedremo anche che un'altra interpretazione è possibile.

  • Codice 403 vietato :qui, il client non è in grado di accedere all'URL di sua scelta perché il suo accesso richiede l'autenticazione, un'autorizzazione impostata dal webmaster.
  • Il codice 404 non trovato :se è possibile che l'URL sia stato scritto male, l'errore 404 riguarda anche i problemi dei collegamenti morti o interrotti. L'indirizzo richiesto non esiste più. In questo caso, il visitatore viene indirizzato a una pagina di errore 404 generata automaticamente o personalizzata dal webmaster. Questo è quindi in grado di proporgli una soluzione, ad esempio il ritorno sulla homepage del sito o verso un contenuto simile a quello che non esiste più.

500 codici

In questo caso, il server è inattivo . Non è stato in grado di elaborare la richiesta inviata dal cliente.

  • Il codice di errore interno del server 500 : questo errore, di natura inaspettata, indica che il problema è interno. Inoltre, l'amministratore dovrà prendere conoscenza e svolgere i lavori di manutenzione appropriati.
  • Il servizio codice 503 non è disponibile : questo messaggio appare quando un server non è più in grado di rispondere alla richiesta del client. Questo è il caso in cui un sito riceve troppe visite e non ha la capacità di gestirle tutte. Tuttavia, questo è un malfunzionamento che verrà preso in considerazione molto rapidamente dall'amministratore.

Impatto e gestione dei codici http su un sito web

Certo, l'aspetto di un codice http avrà ripercussioni più o meno serie sul comportamento dei navigatori della Rete, ma anche su quello dei motori di ricerca.

Pertanto, qualsiasi webmaster deve monitorare costantemente, per rilevare i collegamenti morti ad esempio o i punti deboli del server ed evitare i messaggi di errore.

L'impatto sui visitatori

Un codice HTTP 404 è particolarmente frustrante per l'utente, che tenderà a fuggire dal sito in questione e non si fida più di lui . È quindi possibile conoscere una diminuzione significativa del traffico (un criterio che ha tutta la sua importanza nel referenziamento).
Ciò è particolarmente serio per i siti di e-commerce, così come per i fornitori di servizi online, le cui attività si basano esclusivamente sulla loro piattaforma internet. Come accennato, un lavoro di sorveglianza e manutenzione è assolutamente essenziale , al fine di proporre un sito funzionale.

L'impatto sui motori di ricerca

Per rilevare questi codici http, i motori utilizzano robot di indicizzazione, in grado di analizzare le varie pagine di un sito. Inoltre, più messaggi di errore e codici http si moltiplicano su una piattaforma, più i motori di ricerca li interpretano come una mancanza di manutenzione. La tua posizione nelle pagine di ricerca potrebbe diminuire.

Come gestire al meglio i codici http?

Se tutti i codici http non possono essere supportati, altri sono abbastanza facili da gestire. Questo è il caso, ad esempio, del codice 404. Strumenti come Google Search Console possono aiutarti a identificare i collegamenti interrotti e, se provengono dal tuo sito e non da una pagina esterno, è abbastanza possibile eseguire un reindirizzamento 301 a un'altra pagina.

Tuttavia, controlla che il contenuto sia pertinente e simile a quello che non esiste più . Quindi, sarai certo di essere in grado di rispondere alle richieste dei tuoi visitatori. Ciò ti consentirà di preservare anche il posizionamento del tuo motore di ricerca . L'altra soluzione è quella di indirizzare l'utente alla home page del tuo sito.

Naturalmente, mettere in evidenza i collegamenti morti e sradicare i 404 codici è un compito a lungo termine. Inoltre, non è sempre possibile impedire la comparsa di questo tipo di messaggio. Inoltre, in alcuni casi, è meglio concentrarsi sulla pagina degli errori.

Gestione dei codici http da una pagina di errori della creatività

Abbiamo già accennato alla frustrazione e alla delusione generati dall'apparizione di un messaggio di errore 404. È quindi fortemente consigliato per personalizzare questa pagina, al fine di riconquistare la fiducia dei navigatori della rete.

Con umorismo, ma anche adottando un design coerente con quello del tuo sito web, puoi incoraggiare il visitatore ad andare alla home page ad esempio, fargli scoprire la struttura del tuo sito o semplicemente, informarlo di la natura del problema I plugin del tuo CMS te lo permettono, quindi non privarlo!

Altri articoli interessanti

Attacco DDoS: come spiegarlo ed evitarlo?

Hai bisogno di più informazioni?Chiedi ai nostri specialisti. Contatta il nostro ufficio commerciale