IoT : cos'è l'Internet of Things?

Oggi, gli oggetti connessi sono in grado di utilizzare Internet per comunicare con te, ma anche con altri dispositivi. Questo concetto si chiama "Internet of Things" (in francese "Internet of Objects"). Questo termine, sempre più utilizzato nel settore delle nuove tecnologie, definisce la capacità degli oggetti collegati di scambiare informazioni tra loro. Diamo un'occhiata più da vicino a questo concetto, alle sue applicazioni e all'infrastruttura necessaria per implementarlo.

Internet of Things: definizione

L'IoT definisce qualsiasi oggetto (un orologio, un'auto, edifici, una bilancia, ecc.) Con un chip elettronico, una connessione Internet e un sensore, consentendo loro di comunicare tra loro, scambiando, raccogliendo o trasmettendo dati.

Grazie alla rete, è possibile controllare questi oggetti da remoto. La domotica è l'esempio perfetto dell'IoT: le tue tapparelle elettriche, le tue luci, il tuo riscaldamento sono collegati a un'unità centrale che, quando riceve informazioni, la trasmette a tutte le tue apparecchiature e ti consente di gestirla da remoto, grazie a WiFi.

L'IoT può essere preso in considerazione per molte applicazioni, sia che riguardino individui o aziende.

Applicazioni IoT

IoT ti consente, ad esempio, di utilizzare uno smartphone per gestire tutte le apparecchiature connesse a Internet a casa tua. Tuttavia, è possibile immaginare altri usi: l'IoT può essere utilizzato per proteggere la tua casa, grazie a un sistema di allarme e telecamere collegate. Questo concetto viene utilizzato anche su oggetti di uso quotidiano più tradizionali, come bilance e attrezzature sportive, frigoriferi (che sono quindi in grado di ordinare per te, sul disco più vicino, cibo mancante), ecc.

Se l'IoT mira a semplificare la tua vita, può essere implementato anche dalle aziende. In effetti, questo concetto innovativo consente di migliorare significativamente la produzione e l'automazione, ad esempio grazie alla comunicazione stabilita tra oggetti e persone e alla capacità di scambiare informazioni su Internet.

Anche altri settori sono interessati dall'Internet of Things. Questo concetto ha permesso di migliorare la sorveglianza medica in particolare, immaginando ad esempio un pacemaker collegato. Lungi dall'essere fantascienza, l'IoT è sempre più utilizzato oggi. Per installarlo, tuttavia, è essenziale adottare un'infrastruttura adeguata.

Quale infrastruttura per l'IoT?

La gestione dei flussi di dati, l'elaborazione dei messaggi, la gestione della flotta di oggetti connessi, i trasferimenti esterni, la creazione di Internet of Things implica un'infrastruttura complessa e potente. Le aziende che desiderano creare un'applicazione IoT dovranno rivolgersi, in particolare, a server ad alte prestazioni, in grado di garantire un determinato volume di connessioni.

Per progetti su larga scala, IKOULA offre server dedicati di fascia alta, come i suoi server Xtreme e Master, progettati per Big Data, intelligenza artificiale e Internet of Things.

Cloud IKOULA One, l'offerta cloud che IKOULA offre, consente l'implementazione di istanze CPU specializzate, basate su macchine con clock a 3Ghz, particolarmente adatte per un uso intensivo di processori.

Grazie alle prestazioni raddoppiate, alle potenti schede grafiche e all'ampio spazio di archiviazione, è possibile configurare un'applicazione IoT grazie a queste infrastrutture.



Hai bisogno di maggiori informazioni?Chiedi consiglio ai nostri specialisti.Contatta il nostro ufficio commerciale