Come installare MinIO in 1 click sul vostro Cloud pubblico

OFFERTA Scoperta 100 € offerti Crea un conto gratuitamente

MinIO è una soluzione di archiviazione di oggetti open-source lanciata nel 2014. Semplice, veloce, efficace e potente, MinIO è perfetto per gli sviluppatori di applicazioni Cloud. Il software è sviluppato in linguaggio Go e ha lo stesso API di Amazon S3, si tratta quindi di una soluzione perfetta per un utente che desidera lasciare AWS: sarà solo necessario modificare il file di configurazione.

Video d’installazione One Click



MinIO, la soluzione di archiviazione di oggetti open-source

Lo sviluppo di questa soluzione di archiviazione con licenza Apache è implementato sotto forma di un contenitore Docker. Fa parte della nuova generazione di sviluppo orientato a Docker e può essere implementato con Kubernetes. È disponibile su Linux, Windows, Mac OS per l'installazione del sistema, ed è anche possibile installare MiniO su un NAS, un server X86 o ARM. Inoltre supporta diversi SDK, ossia Go, Java, JavaScript, Python.

Per facilitare la visualizzazione dei file presenti nel vostro database, MiniO ha un'interfaccia web chiara ed ergonomica. Inoltre, non ci saranno problemi se le vostre esigenze evolvono, in quanto il software è scalabile: potrete quindi clonare più macchine dalla stessa fonte di dati.

Queste soluzioni di containerizzazione sono molto popolari, MinIO è già stato scaricato più di 500 000 volte ed è supportato da una grande comunità (più di 125 collaboratori attivi sul codice fino ad oggi).

Capire la virtualizzazione tramite container

La virtualizzazione tramite container, o containerizzazione, permette di creare su uno stesso OS diversi ambienti virtuali, che hanno come obiettivo quello di eseguire un’applicazione. Questi ambienti virtuali sono chiamati container e possiedono ognuno un sistema di file, un processore, una memoria RAM, ecc. Ogni applicazione localizzata nel container può immagazzinarvi la propria biblioteca di file.

Anche se i vari ambienti condividono lo stesso nucleo (cioè, lo stesso OS), non lo includono e sono isolati gli uni dagli altri. Per questo, volendo installare dei container, non è assolutamente necessario installare un nuovo sistema operativo. Questo è ciò che differenzia le macchine virtuali dalla virtualizzazione tramite container.

Grazie all’OS condiviso tra i vari ambienti, questi sono in grado di comunicare tra loro. Il vantaggio di questa soluzione risiede dunque nella semplicità degli spostamenti delle applicazioni: le risorse da considerare, come lo spazio di memoria o la RAM, sono minime.

Perché utilizzare MiniO?

Gli impieghi sono molteplici, ma come tutte le soluzioni di containerizzazione, l'uso principale è lo sviluppo di applicazioni nel cloud. Possiamo in particolare menzionare la macchina Learning o i progetti di intelligenza artificiale (AI), due impieghi sempre più diffusi e necessari.

Crea un conto gratuitamente : 100 € offerti**

** 100 € di consumo offerti. Detrazione effettuata alla fatturazione. Oltre ai 100 € di consumo raggiunti, ti verrà addebitato il tasso corrente.
Offerta limitata ad un account per persona fisica o giuridica e due istanze (Macchine virtuali) per account. Possibilità di aggiungere più istanze contattando il servizio commerciale di IKOULA.