Come installare Apache in 1 click sul vostro Cloud pubblico

OFFERTA Scoperta10 € accreditati, 100 € offerti Crea un account

Al momento, Apache è il web server più usato. In effetti, supporta il 46% della totalità dei siti web presenti sulla rete. La sua notorietà non è una novità, e a ragione: Apache esiste dal 1995. Per capire il suo funzionamento, riprenderemo la definizione di web server. Poi, elencheremo i suoi vantaggi, ma anche i suoi inconvenienti.

Video d’installazione One Click



Apache: definizione, vantaggi e inconvenienti di questo web server

Web server: definizione

Il web server, come indicato dal nome stesso, ha per obiettivo quello di servire i siti on-line. Per fare questo, svolge in qualche modo il ruolo di filtro, tra le macchine cliente della rete e il server fisico. Quando le macchine emettono una richiesta, il client server ricerca all’interno del server fisico l’informazione ricercata, per restituirla alle macchine.

Un web server è uno strumento particolarmente potente, perché può gestire varie richieste allo stesso tempo, provenienti da vari utenti, e tutto ciò in varie lingue. Le richieste saranno ritrasmesse in HTML sul browser dell’internauta.

Abbiamo visto la definizione di web server. Adesso, ci concentreremo in maniera più dettagliata sul funzionamento di Apache.

Come funziona Apache?

Apache è un software installato in un server. Il suo obiettivo: così come il web server, svolge il ruolo d’intermediario tra il server stesso e i vari browser, sia su Unix, che su Windows e iOS. Per capire il funzionamento di Apache, facciamo un esempio concreto. Siete connessi su un sito e cliccate sul tab “Contatti”. Il vostro browser invia la richiesta ad Apache, che cercherà la risposta nel server e permetterà al browser di visualizzare le informazioni richieste, a prescindere dal tipo di contenuto (testo, immagine, audio, ecc.).

Apache ha la responsabilità, dunque, di assicurare la qualità delle comunicazioni tra il cliente e il server, che comunicano tra loro grazie al protocollo http.

Questo software server è usato dagli amministratori che, grazie ai vari moduli, possono personalizzarlo senza limiti, o quasi. Questi moduli riguardano, tra le altre cose, la sicurezza, l’autenticazione, la realizzazione di copie cache, ecc.

Vantaggi e inconvenienti di Apache

Come abbiamo già detto, Apache è utilizzato dal 47% dei siti web mondiali. Per questo, possiede numerosi vantaggi, ma anche degli inconvenienti che ora andiamo a vedere.

I vantaggi

  • Apache è un software open source e gratuito.
  • La sua affidabilità e la sua stabilità sono i suoi maggiori punti di forza.
  • Beneficia di aggiornamenti e miglioramenti periodici.
  • È adatto ai principianti.
  • È compatibile con tutti gli OS, così come con i siti WordPress.
  • Beneficia di una community attiva e propone numerosi supporti, che ne facilitano l’uso.
  • È personalizzabile, grazie ai numerosi moduli che propone.

Gli inconvenienti

  • Sfortunatamente, Apache non offre buone performance, soprattutto nei siti web che registrano un traffico intenso. In questo caso, è preferibile puntare su altri web server, come NGINX o Tomcat per esempio.
  • Per via della moltitudine di moduli e di possibilità di configurazione, la sicurezza può risultare poco affidabile.